jump to navigation

Crooked Little Vein luglio 5, 2013

Posted by brzo in Books.
Tags: , , , ,
trackback

crookedChe le narrazioni on the road esercitino sul sottoscritto un fascino primordiale è cosa nota, da sempre il viaggio come occasione di scoperta e di cambiamento è capace di catalizzare pensieri ed energie, spingendomi ad accantonare (temporaneamente) la beata pigrizia di fondo.
Ma in momenti di delirio lavorativo la ricerca diventa soprattutto quella dell’evasione, della fuga dal prevedibile quotidiano, che assume talvolta i toni grotteschi di un dipinto di Bosch.

Quindi è con una certa soddisfazione che in questi giorni ho riletto Crooked Little Vein, unico romanzo dell’altrimenti prolifico sceneggiatore di comics Warren Ellis (chi ha letto Transmetropolitan sa cosa aspettarsi).

Comincia così.

I opened my eyes to see the rat taking a piss in my coffee mug. It was a huge brown bastard; had a body like a turd with legs and beady black eyes full of secret rat knowledge. Making a smug huffing sound, it threw itself from the table to the floor, and scuttled back into the hole in the wall where it had spent the last three months planning new ways to screw me around. I’d tried nailing wood over the gap in the wainscot, but it gnawed through it and spat the wet pieces into my shoes. After that, I spiked bait with warfarin, but the poison seemed to somehow cause it to evolve and become a super-rat. I nailed it across the eyes once with a lucky shot with the butt of my gun, but it got up again and shat in my telephone.

Ed è soltanto l’inizio, è il caso di aggiungere..

Si può inquadrarlo come un noir, che non rinnova i canoni del genere e lascia il retrogusto della letteratura pulp anni Sessanta, protagonista uno sfortunato investigatore ingaggiato per ritrovare la Costituzione apocrifa dei Padri Fondatori.
Ed è da questa premessa che parte il serrato viaggio di Mike McGill attraverso l’underground a stelle e strisce, tra serial killer dall’abile oratoria e porno fans erpetofili, destreggiandosi tra pittoresche devianze nella ricerca del prezioso documento..

Il refrain di fondo è che nell’era del wi-fi, il concetto stesso di mainstream si è allargato a comprendere le espressioni più estreme dell’individualità, e nonostante questo viviamo un paradosso: la lotta per difendere le libertà personali da coloro che vorrebbero omologare comportamenti e pensieri si è fatta ancora più serrata e indispensabile.

Durante una memorabile discussione, un soddisfatto pluriomicida definisce così la questione:

Consider this, though. If I’ve seen it on the Internet, is it still underground? ‘Underground’ always connoted something hidden, something difficult to see and find. Something underneath the surface of things, yes? But if it’s on the Internet — and I do praise the Lord that I lived long enough to see such a wondrous thing — it cannot possibly be underground. . . My point, however, is that the Internet is more than a system for holding pictures, whether it be of people’s backsides or my hands all slick and yellow with human subcutaneous fat. It is the greatest mass-communication tool ever invented, and utterly democratic beyond the entry-level requirement of having a computer.

Spaventosamente vicino al vero, non trovate?

Le pagine scorrono rapide, ed è una lettura che termina in qualche serata lasciando addosso un mezzo sorriso per settimane.
Cosa chiedere di più?

Mi mantengo volutamente sul vago, niente spoiler, ma non posso che consigliare questa fiaba oscura e bizzarra dai toni sarcastici e dannatamente avvincenti.
Con una protagonista femminile memorabile ed un cast di comprimari tratteggiati in ogni umana debolezza, potrebbe rivelarsi la perfetta lettura da spiaggia.

E spingervi a guardare con occhi differenti la prossima replica di Godzilla..

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: