jump to navigation

Accumulate momentum! giugno 27, 2012

Posted by brzo in Change!.
Tags: ,
1 comment so far

Image

Avevo bisogno di un ripostiglio in cui impilare, stipare, e lasciare ad impolverare i pensieri. Un non-luogo dove raccogliere frammenti di considerazioni, in ordine rigorosamente sparso, sul cambiamento, sul perdersi per ritrovarsi, sulle deviazioni di percorso che sostituiscono il viaggio programmato.

Occorre innanzitutto confessare che il primo pensiero, quello che probabilmente ha dato origine a tutto questo, forse e’ stato un lenzuolo annodato fuori dalla finestra dell´ufficio.. E la tentazione di correre via, senza voltarsi indietro..

Ciascuno di noi sogna la fuga, pianifica e rimugina mille diversi cambiamenti, cambiare vita, donna, lavoro, sfuggire alle pressioni ed allo stress, ricominciare in altro contesto.. Nonostante il susseguirsi di giornate troppo simili rischi di sbriciolarci, spesso preferiamo accettare il quotidiano, ripetendo a noi stessi una vecchia promessa,  inculcataci dai primi passi in poi: “Lavora duro, rispetta la gerarchia, apprendi il tuo posto nell’ordine delle cose, e ci prenderemo cura di te”. Il percorso formativo che attraversiamo, sono poche le eccezioni, ricompensa il conformismo, l’adeguamento agli standard socialmente accettabili, l’incasellamento progressivo negli slot di produzione disponibili sul mercato. La paura del fallimento, dell’esclusione, cesella la nostra educazione. Meglio sperimentare l’indifferenza della disapprovazione, meglio non esporsi, meglio non rischiare. E cosi’ finiamo per soffocare le nostre vocazioni, i nostri imperativi personali, ed accettiamo lo status di sudditi invece di ambire a conquistarci quello di liberi pensatori.

Intanto la globalizzazione delocalizza la produzione, la tecnologia abbatte ogni barriera all’ingresso, ed i mutamenti si susseguono ad un ritmo tanto rapido da rendere inutili e datate la maggior parte delle conoscenze. 

E quell´antica, rassicurante promessa si disgrega sotto i nostri occhi.

Serve un piano B, meglio se un dossier di piani alternativi, pronti a qualsiasi evenienza.. Meteorite vagante in rapido atterraggio sulla scrivania incluso.. Occorre prendere misure drastiche e decidere di cambiare, per non ritrovarsi ad accettare passivamente i mutamenti in atto.

Il valore della conoscenza perde terreno rispetto a quello dell’attitudine. Quanto e’ spendibile il nozionismo accumulato in un mondo in cui esiste wikipedia? Il ritmo dell’apprendimento va accorciandosi: comprendi il problema, comprendi la soluzione e poi passa oltre!

Quante volte invece dedichiamo i nostri maggiori sforzi all’accumulo di informazioni che non avranno alcun impiego pratico, e che in un ciclo iterativo hanno ormai perso la loro capacita’ di forgiare il carattere?

La mappa e’ diventata obsoleta, inutile, arcaica. La bussola e’ l’unico strumento a cui affidarsi. Comprendere la direzione e lasciare libero lo sguardo di vagare in cerca delle deviazioni che contano, del mutamento come opportunita’, della crisi come sfida alla crescita. Decidere rapidamente, mantenendo flessibile il passo per adattarlo alle continue evoluzioni.

L’unica scelta possibile e’ credere nell’irrazionale, in quello che la coscienza continua ostinata a sussurrarci all’orecchio, con voce cosi’ flebile e stanca che quasi non si riesce piu’ ad udirla, ed osare!

Abbracciare il cambiamento, credere nei propri istinti, essere in prima persona i creatori del proprio percorso. Ed avere ben chiaro che non e’ scelta facile, non e” indolore, non e’ esente da paura, incertezza, e soprattutto dal fallimento. Avere consapevolezza che per accettare davvero il cambiamento occorre accettare anche il fallimento come parte dell’ascesa, imparare da esso, rialzarsi e rimettersi alla prova con un pizzico di insano ottimismo.

Lasciare in un canto ogni condizionamento ricevuto e fare il primo passo, agire pianificando le proprie mosse, ma senza lasciarsi scoraggiare da limiti, vincoli, costrizioni. Quello che resta a depositarsi nei nostri sogni inespressi non conta, svanira’ nel tempo senza lasciare traccia tangibile. Agire e’ l’unica alternativa.

Ed e’ importante avere coscienza che altri prima di noi hanno preso questa decisione ed hanno avuto successo, realizzare che si tratta di una scelta possibile. E che non servono talenti fuori dal comune, ma solo l’unicita’ di pensiero che ciascuno di noi si porta dentro, e che rappresenta il vero patrimonio, inestimabile e raro, di cui possiamo fare dono al prossimo, e su cui costruire scelte, percorsi, e forse l’intera vita.

L’azione, qualsiasi essa sia, crea un effetto domino che scatena altri eventi intorno a noi.. E le possibilita’ cominciano a palesarsi, a moltiplicarsi, a schiudere prospettive inedite e inaspettate.

Quindi qualunque sia il vostro progetto, il vostro sogno nel cassetto, il vostro diabolico piano di fuga, questo e’ il momento!

Oggi, adesso, ora.

Raccogliete fino all’ultima stilla di coraggio e fate il primo passo per lasciare la vostra tacca nell’Universo..

Accumulate momentum*!

* Trattasi di una grandezza vettoriale, che misura la capacità di un corpo di modificare il movimento di altri corpi con cui interagisce dinamicamente, ai posteri decidere se fosse un paragone adeguato.

Annunci

Happy starting.. giugno 24, 2012

Posted by brzo in Uncategorized.
1 comment so far